Domenica, 16 Dicembre 2018 - Area Riservata

Cure conservanti

 

L'odontoiatria (significa cura dei denti) è una branca della medicina che si interessa del sistema masticatorio, il quale si va sempre più delineando come un grande patrimonio, estetico e funzionale, capace di dare salute ed anche bellezza. I denti e le gengive, influenzano la bellezza del volto e l'estetica del sorriso. La forma anatomica dei denti, il colore, l'ordine in cui si dispongono, la forma stessa delle arcate, l'armonia della linea gengivale che gli fa da contorno, costituiscono un insieme di fattori che determinano un bel sorriso. Per l'aspetto funzionale facciamo riferimento all'occlusione, al modo in cui le arcate dentarie si pongono in relazione reciproca. Il campo dell'odontoiatria si è fatto negli ultimi anni talmente vasto che solo un intervento d'equipe è può fornire ai pazienti prestazioni adeguate.

Oggi ortodonzia estetica ed ortodonzia invisibile sono definizioni con cui s'intende un approccio al trattamento dei disallineamenti dentali con apparecchi che non si notano quando vengono portati. Le principali malattie dei denti riconoscono cause ben individuate e controllabili, : la carie dentaria e la malattia parodontale (la piorrea, come era chiamata una volta) vedono la placca batterica come principale fattore responsabile; la malocclusione, invece, è frequentemente determinata, dall'abitudine, che si protrae oltre tempo, a succhiare, ad esempio il dito o il ciuccio, e dalla tendenza del bambino ad assumere atteggiamenti a bocca aperta. 


Dell’apparato paradontale si occupa una speciale branca dell'odontoiatria, la parodontologia: termine che deriva dal greco e che significa studio di tutto ciò che sta intorno al dente e che gli dà sostegno. 
L'attenzione dell'odontoiatria si è appuntata negli ultimi anni verso affezioni un tempo trascurate, come l'alitosi che nella stragrande maggioranza dei casi proviene dal cavo orale. L’alito cattivo infatti può rappresentare una grande limitazione nei rapporti interpersonali, inducendo chi ne soffre ad evitare il più possibile contatti troppo ravvicinati con il prossimo.Può capitare di non essere soddisfatti del colore o della forma dei denti. Anche quando la natura ci ha offerto la possibilità di sfoggiare una bella chiostra di denti bianchi, il passare del tempo, nonostante le attenzioni, può avere agito negativamente su di loro, scurendoli o usurandoli o frastagliandone i margini.

Nessun problema, i progressi nel campo dell'odontoiatria estetica mettono in grado l'odontoiatra di effettuare lo sbiancamento dei denti, cioè di decolorare smalto e dentina, rendendo più bianchi e luminosi. Con speciali tecniche professionali, che fanno uso di lampade acceleratrici (Beyond) e sostanze sbiancanti a base di perossidi si può intervenire sul colore intrinseco dei denti, sia quello naturale che quello dipendente da modifiche peggiorative prodotte dall'età (immagini trattamento sbiancante); e se qualche margine incisivo non è perfetto come un tempo, e ne risente la bellezza del sorriso, con l'utilizzo di speciali resine può restaurare la sua forma originaria [foto].


La moderna odontoiatria permette al "dentista" di soddisfare le richieste più sofisticate nei riguardi dell'estetica e della funzione dell'apparato preposto alla masticazione e al sorriso. Oggi più che mai possiamo dire che "la salute è nella bocca" ma anche che qui può rimanerci a lungo o che, comunque, può essere ottimamente ripristinata. 
Preservare denti e gengive in buone condizioni è anche un imperativo per il mantenimento della salute generale dell'organismo.